In giro per Torino con il nuovo Suzuki Burgman 400

Suzuki mi ha sfidato a fare turismo con la nuova versione del suo scooterone best – seller, il Burgman 400. Sono stato a Torino e dintorni e…

Sarà riuscito il nuovo Suzuki Burgman 400 a farmi dimenticare di essere in sella a uno scooterone? Vabbè dai, la risposta è fin troppo facile: ovviamente no! Ma non era neppure questa la sua intenzione che invece era mostrarmi un modo diverso dal mio di viaggiare su due ruote. Ho voluto scherzare sul solito dualismo tra moto e scooter proprio per la volontà di superarlo. Smettiamola sù con queste stupide discussioni da bar: per me l’importante è andare.

suzuki burgman test 2017 400 laterale sinistro motoreetto

Se poi vado con qualcosa che mi dà gusto tanto meglio. Personalmente non amo guidare gli scooter di grossa cilindrata ma devo anche ammettere che la loro evoluzione è evidente e non è più vero che si guidano male, che sono lenti o poco stabili. Recentemente in Sudafrica ho provato il nuovo Yamaha T-Max, il grand visir di tutti i “power scooter”, e dopo aver guidato anche questo nuovo Burgman 400 posso dire con certezza che ragazzi, ammettiamolo, ormai vanno davvero bene, frenano e stanno in strada tanto che ci si diverte. “Ma Motoreetto!! Cosa diavolo stai dicendo? Sei impazzito?”

Forse sì, forse è il caldo.

Mi faccio domande e risposte!

suzuki burgman 400 2017 a torino gran madre piazza vittorio test motoreetto

Bando alle ciance. Due cose porto a casa da questa esperienza:

  1. Torino è una bella città e vale la pena visitarla. Anzi, mi dico sempre che dovrei conoscerla di più. Vederla dalla sella del Burgman è stato comodo perché c’è poco da fare, tra semafori e ripartenze è a proprio agio. Venirci a fare un week-end magari proprio con lo scooter è un’ottima idea e ti consente di godertela. In più puoi prendere e farti un po’ di saliscendi mica male con dei giretti da 100 – 150 km piacevoli.
  2. Con uno scooterone 400 cc e ben fatto come il Burgman si può andare ovunque anche in due.

suzuki nuovo burgman 400 castagneto po chivasso torino test vigneti motoreetto

Il nuovo Burgman è ben fatto. Se prima era una poltrona da soggiorno, ora è una sedia da ufficio o per usare le stesse similitudini di Suzuki, se prima era una berlina ora è una coupé. Più caricato sull’anteriore, ma ancora molto basso di sella. Più stabile con le ruote da 15 e con una buona dotazione. L’unica cosa che non riesco a farmi piacere è di avere le gambe così piegate: non riesco a dare bene peso come vorrei e soprattutto dopo una giornata mi infastidisce. Ma quando ti fermi sei pronto a metterle a terra senza imbarazzi. Non si può avere tutto…

Giacca Moto One Vert 360

Guanti Moto One Atlanta

Scarpe TCX Ace Street

Casco X-Lite X-403 GT Ultra Carbon

Jeans Moto One Luke 

#RideMore

suzuki burgman 400 2017 novità test motoreetto retro curva

Motoreetto

Motoreetto

Nicola Andreetto, moto blogger da ‘na vita, press officer all’occorrenza, media strategist, video maker ma soprattutto viaggiatore e sognatore. Mi hanno definito lo Storyteller su due ruote e forse c’hanno preso. Mi chiamano Motoreetto, perché tra me e la moto non c’è separazione.

Comments are closed.