Urban Scrambler di Officine Sbrannetti

urban scrambler sbrannetti motoreetto cover bmw gs 1100

Urban Scrambler è la decima e più pettinata creazione a portare la firma di Officine Sbrannetti, per la terza volta alle prese con una BMW R 1100 GS. Ma stavolta il registro è tutto diverso, leggi qui.

sbrannetti-urban-scrambler-motoreetto-03

Urban Scrambler, stavolta gli Officine Sbrannetti l’hanno voluta chiamare così, a sottolineare un’indole un po’ inaspettata per una possente BMW R 1100 GS, un’attitudine più metropolitana e trasversale. A quanto pare le richieste di special basati sui boxeroni bavaresi – tra le basi preferite dei ragazzi di La Spezia – sono in costante crescita dopo che le loro creazioni sono finite su blog (me ne viene in mente uno a caso…) di tutto il mondo e sulle riviste specializzate. Ancor di più da quando la stessa BMW Motorrad Italia li ha coinvolti nel contest per customizer dedicato alla R NineT, contest che i cinque spezzini hanno vinto con la loro Spirit Of Zeller.

sbrannetti-urban-scrambler-motoreetto-10

QUI la loro video intervista e QUI la loro Mad Bobber.

Tra pochi giorni gli Officine Sbrannetti dovranno partire alla volta di Garmisch, dove si tiene l’annuale raduno ufficiale BMW e al quale sono stati invitati a partecipare proprio in virtù della loro vittoria allo scorso Motor Bike Expo. Sicuramente Garmisch sarà una vetrina importante per mostrare le loro special e un momento di grande soddisfazione per loro che, ricordiamolo, da poco si sono affacciati sulla scena “che conta” del customizing italiano.

sbrannetti-urban-scrambler-motoreetto-14

La Urban Scrambler arriva perciò un po’ a sorpresa in un periodo ricco di avvenimenti per gli Sbrannetti, a pochi giorni di distanza dalla Mad Bobber e – indiscrezioni dicono – di poco in anticipo rispetto alla Bombardone, la moto personale di Marzio uno dei cinque ragazzi e sempre basata su una R 1100 GS, quasi a sottolineare un filone di studio fatto di interpretazioni molto diverse sulla stessa base.

La stessa nascita della Urban Scrambler è avvenuta proprio così, nel più classico dei modi. Il suo proprietario si è innamorato della Bulldozer (come dargli torto?) e ha chiesto ai ragazzi qualcosa di simile per la sua GS. Ovviamente Jody e compagni hanno scosso la testa: niente da fare, non si ripete, ogni moto è un’opera unica. E si sono messi a studiare il loro nuovo amico, uno che la moto la usa tutti i giorni per andare in ufficio, che ha bisogno di praticità oltre che di stile.

sbrannetti-urban-scrambler-motoreetto-16

Ci voleva qualcosa di più elegante, più pettinato rispetto a Bulldozer. Uno dei primi pensieri è stato perciò sul colore” – mi racconta Jody. La scelta è infatti diversa dal loro solito, anche se i colori “sociali” non mancano, questa volta hanno puntato sul nero con una grafica leggera e, a parer mio fighissima, color bronzo. Un richiamo, se vogliamo, alle grafiche Lotus, a John Player Special e alle corse di quel periodo realizzato da Pierluigi e dai suoi ragazzi di TP Design.

sbrannetti-urban-scrambler-motoreetto-06

Volevamo una motocicletta per l’utilizzo cittadino, ma con un anima votata all’off road leggero e che ovviamente non temesse pavè, buche e che facesse la sua porca figura quando ci stai seduto sopra o anche solo quando la vedi parcheggiata al bar o davanti all’ufficio. Insomma a noi ricorda un piccolo carro armato ma elegante“.

sbrannetti-urban-scrambler-motoreetto-19

Già un piccolo carro armato, come quelli d’assalto. Sarà per via di queste proporzioni così tozze: a catalizzare l’attenzione è il corpo, la parte centrale della moto, il serbatoio… curiosamente l’unica parte rimasta originale! La coda è sensibilmente più corta dell’originale, ma anche l’avantreno è molto meno sporgente: la scomparsa del classico becco e il parafango basso, contribuiscono a centralizzare i volumi e a farla sembrare ancora più corta. Curioso notare che il parafango è ancora quello originale, solo tagliato e risagomato per essere più piccolo.

sbrannetti-urban-scrambler-motoreetto-15

sbrannetti-urban-scrambler-motoreetto-12Al contrario delle altre GS, questa volta il boxer non è stato smontato e quindi riverniciato, ma è rimasto al suo posto e del suo originale grigio silver BMW. Il pennello si è concentrato sui foderi forcella, telelever, coperchi valvole e canali cerchi.

Tra i lavori più onerosi va sicuramente considerato il nuovo telaietto anteriore e il riposizionamento del radiatore, posto ora dietro la ruota anteriore, il taglio del telaio posteriore con chiusura a C e la riverniciatura dello stesso in nero con finitura opaca. Il parafango posteriore è in alluminio ed è stato tagliato e adattato ai nuovi attacchi sul telaio realizzati ad hoc.

sbrannetti-urban-scrambler-motoreetto-02

Altro elemento imprescindibile dello “Sbrannetti style” è la sella realizzata come sempre partendo da una lastra da Andrea Lava de La1972, collaboratore fisso della piccola officina, che firma come sempre anche la cinghia di cuoio di riconoscimento del pezzo unico con nome e numero della moto.

A proposito di finezze, non si può non notare subito l’originale bisaccia: “Abbiamo pensato che una moto con destinazione urbana avesse bisogno di un posto per riporre piccoli oggetti o documenti o perfino un portatile , abbiamo quindi realizzato a mano il nuovo telaietto reggisella sul quale abbiamo poi fissato la nuova borsa in pelle facilmente estraibile per portarla con sé.

sbrannetti-urban-scrambler-motoreetto-07

E chissà come canta la #10 Urban Scrambler! A darle voce ci hanno pensato ancora una volta Giancarlo e Antonio di MASS, con i quali gli Officine Sbrannetti hanno avviato ormai una proficua collaborazione: “Lavorare con loro ci permette di aumentare l’unicità delle nostre realizzazioni , in questo caso la nostra richiesta era quella di avere un impianto di scarico corto e basso che lasciasse la ruota posteriore a vista e avesse un bel sound. Missione compiuta! Un altro bellissimo prodotto ed è pure omologato”.

sbrannetti-urban-scrambler-motoreetto-04

Completano il quadro il nuovo faro anteriore che contiene le spie principali, la nuova strumentazione minimal, stop posteriore, frecce, nuovo manubrio a sezione variabile Wrp con risers dedicati, specchi retrovisori, manopole, nuovi pneumatici, nuovi raggi e nipples.
sbrannetti-urban-scrambler-motoreetto-13

Anche con la Urban Scrambler, le Officine Sbrannetti colpiscono nel segno e ora il loro portfolio comincia a essere nutrito, specie di bei boxeroni ma non solo. Cosa li aspetta nei prossimi mesi? State sintonizzate perché a occhio e croce ne vedremo delle belle.

sbrannetti-urban-scrambler-motoreetto-09

Sito web delle Officine Sbrannetti: http://www.officinesbrannetti.com/

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/OfficineSbrannetti

ferro 29 caschi speciali offerta

Motoreetto

Motoreetto

Nicola Andreetto, creatore di contenuti ad alto tasso motoristico. Moto blogger, autore di pubblicazioni di settore, video reporter e imperturbabile sognatore. Mi hanno dato dello Storyteller su due ruote e mi è piaciuto, per gli amici sono Motoreetto.

1 Comment

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.