Metzeler Racetec RR (il mio quasi test)

Metzeler Racetec RR è il nuovo pneumatico per supersportive presentato dal marchio dell’elefantino. Sono stato invitato al lancio e… ve lo racconto.

Metzeler mi ha invitato alla presentazione internazionale del nuovo Racetec RR. Ed è già WOW. Ad attendermi, c’erano il circuito di Almeria e tante belle BMW S1000RR in edizione 2015 equipaggiate con le tre mescole del nuovo pneumatico per supersportive del marchio italo-tedesco. E qui gli WOW si sprecano.

Purtroppo, però, le cose non sono andate esattamente come programmato. La sfortuna – o meglio un’inattesa quanto scortese perturbazione metereologica – ci ha impedito di mettere alla prova il nuovo Racetec RR, evoluzione del già noto e apprezzato Racetec Interact (qui il video che realizzai al lancio nel 2011 a Cartagena). Devo, dunque, rinviare il momento in cui potrò effettivamente esprimermi sulle caratteristiche – le aspettative sono molto alte! – del nuovo Racetec RR a data da destinarsi e oggi mi limiterò a presentartelo in sintesi ma come si deve.

Prima però ti chiedo, se ti va, di condividere questo articolo con un tweet cliccando qui! Per te è un gesto semplice, per me è l’importante segno del tuo apprezzamento e mi aiuterà ad andare avanti e ad offrirti altri contenuti originali come questo. Grazie!

metzeler racetec rr ktm duke motoreetto 1Torniamo al nostro Racetec RR. Ho promesso che te lo avrei presentato a dovere, quindi eccomi qua.

Il nuovo pneumatico dedicato agli smanettoni più esigenti, è disponibile in tre mescole: Soft detta K1, intermedia detta K2 e Hard detta K3. In tutti e tre i casi a guidare il team di ricerca e sviluppo di Metzeler ci sono state la volontà di realizzare un prodotto in grado di offrire grip in tutte le condizioni di asfalto, precisione di guida, stabilità e costanza delle prestazioni anche su percorsi di lunga durata.

Purtroppo su Almeria, dove non piove mai, è sceso inaspettato il diluvio e benché – soprattutto con la mescola K3 – il nuovo Racetec RR consenta la guida su bagnato, le condizioni non mi avrebbero permesso di apprezzarne veramente le doti, ma soltanto di rischiare una pessima figura come rider. Abbiamo perciò deciso di rinviare la prova dinamica perché il mio giudizio – come quello di altri professionisti – non sarebbe stato pienamente attendibile.

motoreetto metzeler racetec rr bmw s 1000Lo sviluppo del nuovo Racetec RR ha potuto avvalersi dell’esperienza diretta di Metzeler nelle Road Races, nelle quali solo nel 2014 ha ottenuto 39 podi e 16 vittorie su circuiti ostici come quello della North West 200, del Metzeler Ulster GP, della Southern 100 e del mitico Isle of Man TT. Si tratta, come noto, di campi di gara molto difficili per fattori come l’elevato chilometraggio percorso, le alte velocità medie, la variazione altimetrica e di temperatura e la varietà del manto stradale tutt’altro che perfetto. Ecco dunque perché i nuovi profili, i materiali della struttura, le mescole e anche il disegno del battistrada sono stati concepiti per ottenere uno pneumatico in grado di resistere e a lungo, non soltanto di andare forte.

Racetec RR è rivolto sia a chi guida la moto in pista a livello professionale, sia agli amatori e ai pistaioli occasionali, quindi più in generale è un prodotto che interessa gli smanettoni che amano la guida sportiva su carenate e naked perché può essere usato anche su strada, non solo in circuito.

racetec bmw metzeler rr motoreetto pista piegaScendendo nel tecnico, si tratta di uno pneumatico bimescola con struttura “Cap and Base” ovvero la mescola centrale – fatta per resistere più a lungo e scaldarsi meno – supporta quella laterale – al contrario fatta per dare aderenza – posizionandosi nel sottostrato del battistrada. In questo modo il calore che si sviluppa sui lunghi rettilinei e che tipicamente surriscalda la zona centrale e non quella laterale, viene meglio distribuito. Con questa soluzione anche la mescola laterale dovrebbe meglio mantenere la temperatura operativa anche dopo un lungo rettifilo. Ovviamente sul processo di miscelazione delle mescole vige il più elevato riserbo, ma ci assicurano che garantiscono elevata resistenza all’abrasione anche grazie alla dispersione omogenea dei componenti e che le mescole sono più versatili che in passato.

Ricapitolando abbiamo

K1 che è la SOFT, quindi particolarmente indicata per l’asfalto caldo

K2 è la INTERMEDIA, il compromesso

K3 è la HARD e quindi dedicata all’utilizzo non competitivo e a qualsiasi temperatura, in qualsiasi condizione di granulometria dell’asfalto con una percorrenza superiore.

L’innovativo materiale di carcassa impiegato nella struttura ne eleva la rigidità laterale minimizzando le oscillazioni che si innescano sui rettilinei e, infine, i profili di cappello e fianco sono stati studiati per assorbire le asperità e nel contempo smorzarne, senza generare oscillazioni, le deformazioni dell’impatto.

Con questo credo di aver presentato in sintesi il nuovo Metzeler Racetec RR, ma se hai dubbi o perplessità non esitare a scrivere un commento qui, su twitter @motoreetto oppure sulla mia pagina Facebook.

Nel frattempo io aspetto che smetta di piovere e di avere di nuovo la possibilità di testare il nuovo prodotto Metzeler. Ciao!

Motoreetto

Motoreetto

Nicola Andreetto, creatore di contenuti ad alto tasso motoristico. Moto blogger, autore di pubblicazioni di settore, video reporter e imperturbabile sognatore. Mi hanno dato dello Storyteller su due ruote e mi è piaciuto, per gli amici sono Motoreetto.

Be first to comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.