Ammazza che Adventure.

R 1200 GS Adventure 2014, è già qui. Ed è grossa, molto grossa.

Il carro armato tedesco è già stato svelato, i vertici di Monaco hanno preferito non aspettare il Salone di Milano (tanto, chi li aspetta più i saloni?) e hanno virtualmente presentato l’attesa versione Adventure dell’ammiraglia R1200 GS. Come da previsioni e da tradizione, a un anno dalla nuova GS, è dunque arrivata la versione off road più ricca che mai. La BMW R1200GS Adventure non delude le aspettative di chi la voleva esagerata e si riconferma in cima alla lista dei desideri dei globe trotter: insomma come ci hanno abituato in BMW, a ogni edizione aumentano dimensioni e ammennicoli elettronici. Personalmente per adventurarmi da qualche parte, preferirei qualcosa di più esile e meno ridondante nelle dotazioni, ma di certo è LA moto perfetta per viaggiare.

Ti risparmio i pipponi da comunicato stampa che oggi trovi su qualsiasi sito di moto. “Ctrl+C, Ctrl+V” non è difficile da fare, son capace pur’io – sterile e inutile polemica – ma dato che sono pigro preferisco spararti la sintesi di ciò che cambia rispetto alla R 1200 GS “base”. Eccola:

sintesi BMW r1200 gs adventure 2014

 

Highlight della nuova BMW R 1200 GS Adventure:

  • Applicazione del versatile concetto della R 1200 GS con potente e caratteristico motore bicilindrico Boxer e ciclistica agile, accompagnata da un incremento della competenza nel campo off-road e dell’idoneità ad affrontare viaggi in terre lontane.
  • Aumento della massa volanica del motore e smorzatore di vibrazioni supplementare per una maggiore duttilità e una migliore guidabilità.
  • Escursione anteriore e posteriore allungate di 20 millimetri rispetto alla R 1200 GS.
  • Aumento dell’altezza da terra di 10 millimetri rispetto al modello precedente.
  • Geometria modificata del braccio longitudinale per migliorare ulteriormente la maneggevolezza.
  • Sezioni della carenatura disegnate completamente ex novo in uno stile decisamente robusto e maschile, tipico della GS Adventure.
  • Volume del serbatoio di 30 litri e autonomia comparabile a quella del modello precedente.
  • ABS, ASC e due modalità di guida di serie.
  • Tre modalità di guida supplementari fornibili come optional.
  • Sospensioni semiattive Dynamic ESA
  • (Electronic Suspension Adjustment) come optional.
  • Sella più confortevole, regolabile in inclinazione.
  • Grande parabrezza regolabile e deflettori (“flap”).
  • Larghe pedane enduro.
  • Comandi a pedale regolabili e rinforzati.
  • Robuste staffe paramotore e paraserbatoio.
  • Ampia offerta di accessori originali e di optional.
1 comment
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You May Also Like
triumph bonneville t120 black prova recensione test ride di 2000 km motoreetto
Leggi

Triumph Bonneville T120 Black

Triumph Bonneville T120 Black! Bella da guardare e da guidare, grazie al bicilindrico 1200 da 105 Nm a 3.100 giri e alla ciclistica sincera. Ma va bene anche per viaggiare? è una moto “troppo tranquilla”? è noiosa? è comoda? Per rispondere ho percorso con lei 2.000 km, compreso un viaggio in Provenza e Camargue con passeggero e borse.
Leggi