El Solitario. Ma di che parliamo?

Tutti parlano de El Solitario, ce ne fosse uno che dicesse qualcosa.
Lo dico io: non c’è nulla di innovativo e le moto sono pure delle ciofeche.

Se c’è sulla scena custom qualcuno che negli ultimi 6 mesi è riuscito a farsi notare salendo alla ribalta quello è il collettivo El Solitario MC. Simpatici ragazzi spagnoli con il vizietto di scartavetrare i serbatoi propri e altrui. Con la comunicazione ci sanno fare perché sono sbucati fuori dal nulla e in poco tempo sono diventati tra i più noti customizer europei. Al Motor Bike Expo ci sono arrivati cavalcando l’onda della copertina e del pushing ossessionante di Riders e hanno esposto la loro “Petardo“. Negli ultimi tempi sono stati protagonisti di un’iniziativa promossa dalla stessa BMW Motorrad che ha fornito loro una R NineT per avere una loro interpretazione; è nata così la Impostor e mai nome, a mio modesto avviso, fu più azzeccato.

La Impostor è una ciofeca. Forse la più brutta delle già discutibili moto di El Solitario MC. Possiamo parlare per ore sull’interpretazione che trascende la funzionalità stessa della motocicletta, sulla provocazione artistica, sul post moderno o post atomico ma… Ma… resta il fatto che, a mio insindacabile giudizio, rimane una ciofeca. Non ci vedo nulla di innovativo o di rottura nello scimmiottamento di uno stile che andava di moda più di vent’anni fa (vatti a cercare la Eve of Destruction del compianto Carlo Talamo e ne riparliamo) e che ha già avuto illustri esponenti, come non ci vedo nulla di nuovo in un collettivo che cerca di creare mistero dietro a un nome unico (Wu Ming o Luther Blissett ti dicono nulla?).

Allo stesso tempo, non voglio togliere meriti a ciò che i bravi ragazzi che stanno dietro al progetto El Solitario stanno portando avanti con astuzia comunicativa e un linguaggio efficace, semplicemente trovo ingiustificato cercare in ogni modo di giustificare (perdona il gioco di parole) il loro stile come qualcosa che va oltre, non si sa poi bene a cosa.
Essere originali non significa, a mio modestissimo parere, prendere pezzi a caso di altre moto e metterli assieme, dare martellate a un serbatoio e inciderci dei teschietti. Ma magari non capisco nulla eh…

D’altra parte se fanno discutere, se dividono, significa che comunque hanno già raggiunto un importante obiettivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You May Also Like
triumph bonneville t120 black prova recensione test ride di 2000 km motoreetto
Leggi

Triumph Bonneville T120 Black

Triumph Bonneville T120 Black! Bella da guardare e da guidare, grazie al bicilindrico 1200 da 105 Nm a 3.100 giri e alla ciclistica sincera. Ma va bene anche per viaggiare? è una moto “troppo tranquilla”? è noiosa? è comoda? Per rispondere ho percorso con lei 2.000 km, compreso un viaggio in Provenza e Camargue con passeggero e borse.
Leggi