Gli scarichi aperti ci salvano la vita? Parliamone…

Per molti motociclisti è così, ma alcuni studi – seppur condotti da altri motociclisti – sono arrivati alla risposta contraria. Ne parlo con Riccardo Matesic

Sulla questione degli scarichi aperti – se così la posso riassumere – c’è da anni una gran bagarre. Se ne parla spesso, vuoi per la crescente sensibilità della popolazione non motociclistica al riguardo, vuoi perché questo ha portato già ad alcune limitazioni nella circolazione, vuoi perché c’è uno zoccolo duro di centauri che non ne vuole sapere e reclama il proprio diritto a gridare, per così dire, la propria passione a squarciagola.

Illegali o inopportuni?

Gli scarichi aperti non possono essere usati su strada. Quindi non è che c’è molto da discutere al riguardo. Sono fuorilegge, punto. Tuttavia in alcune zone si è iniziato anche a vietare il passaggio a chi ha uno scarico a norma di legge, ma supera determinati decibel. E chissenefrega se quello scarico è addirittura originale!

Succede ad esempio in Tirolo, dove a seguito di lamentele della popolazione si è deciso di armare la polizia locale di fonometri e rispedire a casa chi supera i 95 dB.

Che uno scarico rumoroso – o forse dovremmo dire una guida rumorosa con marce tirate e fuorigiri – possa arrecare del disturbo agli abitanti di una valle e a chi fa magari trekking oltre che agli animali selvatici penso sia piuttosto comprensibile da chiunque. Eppure c’è una percentuale ridotta, ma non così minima a quanto pare, di motociclisti che non ne vogliono sapere.

La loro difesa quasi sempre si basa sul concetto che una moto rumorosa è più sicura: “se mi sentono arrivare si spostano”.

Per quanto sia innegabile che lo scarico rumoroso si faccia udire anche a distanzia in determinati contesti come appunto una valle montana, ho sempre avuto dei dubbi al riguardo e a quanto pare non sono l’unico. Ho scovato alcuni studi sulla correlazione tra rumorosità di scarico e attenzione di chi guida un’auto, l’ultimo dei quali portato avanti da un associazione di motociclisti romeni. I risultati di questo studio non vanno esattamente nella direzione sperata da chi sostiene che uno scarico aperto ci metta al sicuro. Ho voluto condividere questi risultati con l’amico Riccardo Matesic, giornalista esperto in inchieste che ha colto al volo e ne ha condotto una delle sue. La potrai leggere sul prossimo numero di In Moto.

Così nel LIVEetto dell’11 marzo ho voluto invitare proprio Riccardo Matesic – a proposito, puoi seguire i suoi interessanti articoli anche su www.motoskills.it – per parlare della questione senza falsa retorica o preconcetti.

Buona visione e ascolto con o senza scarichi aperti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You May Also Like