In cima al mondo – Ladakh capitolo 1

Mi sdraio sull’asfalto caldo cercando un minimo di ombra al riparo della Royal Enfield: questo è il Ladakh e qui inizia la mia storia.

Inizio a raccontare il viaggio vissuto con il Marco Polo Team in Ladakh, sui passi carrozzabili più alti del mondo con una Royal Enfield. Sul fascicolo di ottobre di Cafè Racer Italia – in edicola a metà mese – ci sarà un lungo reportage, dal quale ho estratto alcune parti. Questa è la prima:

Mi sdraio sull’asfalto caldo cercando un minimo di ombra al riparo della Royal Enfield.

morey plan royal enfield sleeping ladakh motoreetto

Il sole picchia a 4.000 metri di quota e mi sento un po’ disidratato dopo tutta la polvere e la sabbia ingoiata oggi. Persino la sciarpa bianca che ho al collo oramai ha il colore del deserto. Le labbra, invece, soffrono i colpi di vento e gli sbalzi di temperatura, di conseguenza sono tutte screpolate, le guance scottate. Sorrido, felice e appagato nonostante l’aspetto possa far supporre il contrario e mi metto comodo su questa lingua asfaltata che va su e giù come un drappo mosso dalle gigantesche mani di un occulto cerimoniere.
Sono dove volevo essere e un contrattempo come una foratura non mi pesa neppure un po’. Se penso a quanto mi sarebbe scocciata fosse successa su una delle nostre statali… Qui, invece, c’è armonia e l’imprevisto fa parte del viaggio. Fortunatamente ce ne siamo accorti non appena è iniziato l’asfalto, ma, con tutto lo sterrato e i sassi che abbiamo macinato oggi, chissà quand’è successo.

motoreetto trans himalaya ladakh

Mi tolgo pure gli stivali che tanto Aldo, uno dei miei compagni di viaggio, ci metterà un po’ a cambiare la ruota bucata della sua Bullet. Davanti a noi si apre, finalmente, lo spettacolo del Ladakh, la regione indiana più settentrionale, un triangolo di terra arsa dal sole d’estate e dal ghiaccio per 8 mesi l’anno, stretta tra catene dai nomi altisonanti: Himalaya e Karakorum.

Siamo sull’Himalaya, cazzo!!” continuo a ripetermi.

Ci siamo arrivati da sud, partendo da Manali, una piccola – passatemi il paragone – Cortina indiana, una cittadina frequentata durante la bella stagione da tanti appassionati di trekking che qui hanno pane per i propri denti, ma soprattutto per i loro polmoni e cuori. Manali si trova a 2.000 metri sul livello del mare e da qui si sale in cima al mondo.

photo credit: Motoreetto. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You May Also Like
triumph bonneville t120 black prova recensione test ride di 2000 km motoreetto
Leggi

Triumph Bonneville T120 Black

Triumph Bonneville T120 Black! Bella da guardare e da guidare, grazie al bicilindrico 1200 da 105 Nm a 3.100 giri e alla ciclistica sincera. Ma va bene anche per viaggiare? è una moto “troppo tranquilla”? è noiosa? è comoda? Per rispondere ho percorso con lei 2.000 km, compreso un viaggio in Provenza e Camargue con passeggero e borse.
Leggi