Mototerapia: a Varazze una giornata di lucida follia

Il mio compito è trovare le parole per descrivere le immagini che catturo, ma a volte le parole non servono, basta guardare gli occhi, i sorrisi. Percepire la voglia di vita che si respira in ogni giornata di Mototerapia, come quella di ieri a Varazze, il più grande appuntamento annuale.

L’appuntamento di maggio a Varazze con la Mototerapia “nazionale” è ormai un’istituzione. Tra i tantissimi incontri organizzati dalla banda di Vanni Oddera e i Daboot, quello nella località ligure è il più grande e rappresenta una sorta di festa di compleanno della Mototerapia.

Anche quest’anno si sono dati appuntamento centinaia di ragazzi e ragazze, volontari e genitori, motociclisti e non, al solo scopo di passare una giornata assieme, di divertirsi e di cancellare qualsiasi barriera.

C’è chi è arrivato il giorno prima facendo centinaia e centinaia di chilometri e chi si è alzato all’alba. Quello a Varazze è un vero e proprio pellegrinaggio ma l’unica cosa che viene realmente venerata qui è la vita e la voglia di vivere ogni momento.

Ancora una volta Vanni Oddera, i Daboot e tutti gli amici volontari si sono superati e sul lungomare di Varazze oltre alle moto del Freestyle Motocross si trovavano tantissime altre attività, grazie alle quali la distinzione tra normodotati e diversamente abili diventa poco più che una barzelletta.

Non solo non c’è distinzione, ma spesso gli specialisti di ogni disciplina mostrano come le categorie si possano facilmente ribaltare e a trovarsi in difficoltà non è chi è portatore di una disabilità.

La Mototerapia allarga continuamente i propri confini e non riguarda più soltanto le moto che pure rimangono il cuore vibrante dell’azione. Con il tempo è diventato uno stile, un modo per affrontare la realtà e gli altri.

Ecco perché vedere persone che sfidano qualsiasi difficoltà fisica e grazie al semplice aiuto di amici si cimentano in attività “estreme” come l’andare in moto, in mtb, su una moto d’acqua o addirittura in elicottero (!!) diventa d’improvviso la normalità.

Ecco perché la Mototerapia è una lucida follia che in fin dei conti è tutt’altro che folle, è magica, è vera, è autentica. Non conosce barriere e non conosce confini.

#RIDEMORE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You May Also Like
triumph bonneville t120 black prova recensione test ride di 2000 km motoreetto
Leggi

Triumph Bonneville T120 Black

Triumph Bonneville T120 Black! Bella da guardare e da guidare, grazie al bicilindrico 1200 da 105 Nm a 3.100 giri e alla ciclistica sincera. Ma va bene anche per viaggiare? è una moto “troppo tranquilla”? è noiosa? è comoda? Per rispondere ho percorso con lei 2.000 km, compreso un viaggio in Provenza e Camargue con passeggero e borse.
Leggi