Mr Pennington e la ricerca della credibilità

Si dice che Edward Joe Pennington fosse talmente innovatore da aver coniato egli stesso il termine “motorcycle”. Era il 1896. Ma non è per questo che è diventato famoso e neppure per questo che è protagonista del podcast Storie In Moto di oggi.

Coventry, 1896. Sono qui per assistere al lancio di un nuovo strabiliante triciclo che dovrebbe superare le 40 miglia orarie! A presentarlo è il suo stesso inventore, un tipo americano molto sicuro di sé e ben vestito, con un sacco di brevetti alle spalle. Insomma, uno credibile. Si chiama Edward Joe Pennington ed è già piuttosto famoso in patria, ma non per quello che pensiamo… Questa, infatti, è la storia della prima truffa motociclistica di sempre.

Riascolta le altre puntate del mio podcast Storie In Moto.

Si dice che Edward Joe Pennington avesse uno spirito tanto innovatore e creativo da aver egli stesso coniato il termine “motorcycle”. In effetti pare lo usasse almeno dal 1893 quando, arrivato a Milwaukee, iniziò a lavorare al suo prototipo (un decennio prima di quegli altri concittadini divenuti famosi). 

Tuttavia essere “avanti”, arrivarci per primi, spesso non basta.
Ci vogliono conoscenze tecniche a supportare il coraggio di tentare strade nuove.

Talvolta anche l’avere tutto ciò può non essere sufficiente e per risultare credibili, beh… ci vuole credito.

E Mr Pennington era il figlio di un maniscalco dell’Indiana. Non aveva studiato, non aveva soldi, ma oltre alla creatività e a una grande capacità persuasiva aveva una smisurata ambizione. Tanto da superare, se necessario, quel confine tra il bene e il male.

Quella che ti racconto nel podcast di oggi è la sua storia, ovvero la storia di un pioniere del motorismo divenuto celebre non per le sue invenzioni, bensì per i suoi scarsi scrupoli e per le sue truffe.

Una storia su cui varrebbe la pena farci un film. E sulla quale, ammetto, da tempo fantastico di scrivere un romanzo.

L’ho scoperta molto tempo fa: spulciavo negli archivi del Museo Nicolis (un luogo magico che non mi stancherò mai di invitarti a visitare) per delle ricerche, quando fui colpito da un articolo che riportava la presentazione del triciclo di Pennington e Lawson del 1896. 

Spero che questo racconto di piaccia e ti aiuti a vivere meglio la nostra astinenza motociclistica. Puoi ascoltarlo anche su Spotify osu Spreaker o su Google Podcasts, scaricarlo e portarlo con te. 

Ti ricordo che puoi sempre farmi sapere cosa ne pensi o suggerirmi la tua storia scrivendomi a info@motoreetto.it

Buon ascolto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You May Also Like
triumph bonneville t120 black prova recensione test ride di 2000 km motoreetto
Leggi

Triumph Bonneville T120 Black

Triumph Bonneville T120 Black! Bella da guardare e da guidare, grazie al bicilindrico 1200 da 105 Nm a 3.100 giri e alla ciclistica sincera. Ma va bene anche per viaggiare? è una moto “troppo tranquilla”? è noiosa? è comoda? Per rispondere ho percorso con lei 2.000 km, compreso un viaggio in Provenza e Camargue con passeggero e borse.
Leggi