SunRide in Pesaro

Come promesso, sono andato al SunRide in Pesaro: cafè racers, musica psichedelica e divertimento in fronte al mar.

Il sole al tramonto salì sulla luna e dietro a una tendina di stelle diede un paio di sgasate: la prima edizione del SunRide di Pesaro è andata benone. Bella gente e belle moto, una nutrita rappresentanza del movimento Café Racer italiano, capitanata da Fede e Pier, organizzatori locali, e dal duo Anvil, presenza ormai fissa di ogni evento e qui in veste attiva non solo di espositori. Le aspettative non sono state deluse e quella che doveva essere una festa è stata ciò che doveva essere, ovvero… una festa, un luogo di incontro per gente mossa dalle stesse passioni. Il molo di levante di Pesaro era una location più che idonea allo scopo e i racers hanno cominciato a radunarsi già nel caldo pomeriggio di venerdì. Al sole… Un po’ troppo caldo in effetti per rinunciare a un tuffo nell’Adriatico e così dopo un via vai un po’ casuale, che comunque non ha creato troppo scompiglio ai vacanzieri in riviera, al tramonto ormai la ciurma era completa.

MG_0541-1

Al calar della notte il molo era assiepato di gente, non solo gli irriducibili dei semimanubri, ma parecchi curiosi attirati dalla musica e da tutte quelle motociclette speciali, così come da promessa dell’evento, che passavano sul lungomare.Lungo il molo si sono schierate da un lato le moto e dall’altro i gazebo degli espositori, quasi tutti nomi noti del panorama, ma anche qualche novità. Per tutti era attivo un contest e chiunque poteva candidare il proprio ferro a reginetta della serata. A decidere a chi dare lo scettro la giuria di Facebook che a suon di Like ha premiato una bella flat (foto) su base Yamaha YZ 250 due tempi di Lorenzo Buratti, uno dei customizer nostrani in ascesa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You May Also Like
triumph bonneville t120 black prova recensione test ride di 2000 km motoreetto
Leggi

Triumph Bonneville T120 Black

Triumph Bonneville T120 Black! Bella da guardare e da guidare, grazie al bicilindrico 1200 da 105 Nm a 3.100 giri e alla ciclistica sincera. Ma va bene anche per viaggiare? è una moto “troppo tranquilla”? è noiosa? è comoda? Per rispondere ho percorso con lei 2.000 km, compreso un viaggio in Provenza e Camargue con passeggero e borse.
Leggi