Tacita, il rally silenzioso

Tacita è un progetto “fun” totalmente sostenibile e made in Italy: ad EICMA 2013 ho intervistato il suo ideatore Pierpaolo Rigo.

 

La filosofia di Tacita è semplice da capire quanto da condividere: divertiamoci in moto, facciamo il cross e l’enduro, ma facciamolo in silenzio e inquinando il meno possibile sia durante la pratica sia nel resto del nostro tempo.

Pierpaolo Rigo è per prima cosa un appassionato di fuoristrada, rally e non per ultimo di sostenibilità ambientale. L’ho incontrato durante EICMA 2013, al debutto commerciale del suo ambizioso progetto Tacita, e mi ha raccontato con spontaneità e semplicità le sue idee e le sue nuove moto, contraddistinte dalla sigla T-Race.
Tacita era il nome della dea del silenzio e già questo lascia intendere molto dello spirito che ha mosso Pierpaolo e il suo staff valdostano nel creare tre moto enduro elettriche, una linea di abbigliamento “bio” e un carrello che, grazie ai pannelli solari, diventa generatore di corrente per ricaricare le moto stesse e la casa. T-Race, T-Wear e T-Station ai quali si affiancano i T-Tour, per scoprire la bellezza di cavalcare il silenzio.

Quello di Tacita è dunque un piccolo microcosmo, o potrei dire ecosistema, del tutto autonomo.

Cosa che forse sorprende ancora di più, di questi tempi, è che tutto ciò che è marchiato Tacita è Made In Italy. Dalle magliette in cotone bio all’abbigliamento tecnico, dal motore elettrico al telaio alla componentistica, tutta di prim’ordine.
A partire dalla prossima primavera inizieranno le consegne di questo nuovo gioiellino e non posso che augurare un in bocca al lupo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You May Also Like
triumph bonneville t120 black prova recensione test ride di 2000 km motoreetto
Leggi

Triumph Bonneville T120 Black

Triumph Bonneville T120 Black! Bella da guardare e da guidare, grazie al bicilindrico 1200 da 105 Nm a 3.100 giri e alla ciclistica sincera. Ma va bene anche per viaggiare? è una moto “troppo tranquilla”? è noiosa? è comoda? Per rispondere ho percorso con lei 2.000 km, compreso un viaggio in Provenza e Camargue con passeggero e borse.
Leggi