Ho provato la Moto Guzzi V7 III Stone S

La più classica delle Moto Guzzi in un’edizione limitata, la Stone S. Bellissima e gustosa, racconto tutto su una moto valida per tutti che ha raggiunto la piena maturità.

La Moto Guzzi V7 è la più classica interpretazione dello stile di Mandello. La vedi e la riconosci subito, sai che è una Guzzi punto. Introdotta nel 2008 ha convinto subito per lo stile, meno per aspetti tecnici ancora troppo legati ai modelli che l’hanno preceduta ovvero Nevada e Breva 750. Negli anni, però, la risposta entusiasta del mercato ha spinto Moto Guzzi a perfezionare sempre di più la V7 che è diventata V7 II nel 2014 e quindi V7 III, la serie oggetto di questa prova e commercializzata dal 2017.

Moto Guzzi V7 Stone S: icona in serie limitata

Tra le tante versioni la più gradita è la Stone, etichetta che a Mandello viene data ai modelli base dotati di verniciatura opaca e cerchi in lega. Da questo allestimento in molti, sia customizer professionisti sia semplici appassionati, sono partiti poi per delle personalizzazioni stilistiche. Ecco che la stessa casa lariana ha via via proposto delle varianti estetiche nel corso degli anni. Per il 2020 ha introdotto questa V7 III Stone S, un’edizione limitata a 750 esemplari quindi esclusiva – come si dice in questi casi – ma non proibitiva: 9.320 euro il prezzo richiesto, contro gli 8.120 della Stone.

Questa la scheda tecnica sul sito ufficiale.

Avevo già avuto modo di “spremere” la Moto Guzzi V7 III durante la mia partecipazione al Trofeo Moto Guzzi Fast Endurance, un’esperienza eccezionale che ho raccontato nel video che ti riporto qui sotto. è stata la mia prima gara in assoluto ed è una formula talmente divertente che mi ha messo in testa il tarlo di tornare. Non pensavo mi sarebbe piaciuto tanto!

Nella mia recensione ti dico tutto quello che c’è da sapere sulla Moto Guzzi V7 III Stone S, ti porto con me in una prova su strada e rispondo alle domande che mi hai mandato tramite i social. Infine, come di consueto, elenco i Mi Piace e Non Mi Piace della Moto Guzzi V7 Stone S e specifico per chi la consiglio.

In molti, però, mi hanno chiesto un confronto con la Royal Enfield Interceptor 650 che ho provato recentemente. Perciò la prossima settimana non perderti la prima puntata di un nuovo format che ho battezzato “Quale Scelgo?” proprio per rispondere a questo annoso dilemma.

Buona visione,

N

Lasciami però prima dirti una cosa: l’articolo che stai leggendo, come tutti quelli su questo sito, è accessibile a tutti e senza banner pubblicitari. A permetterlo è il mio CLAN. Sarebbe fantastico se considerassi di farne parte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You May Also Like