Motoraduni invernali e divieti: facciamo chiarezza

Arrivano il freddo, il gelo, la neve… insomma il periodo dei motoraduni invernali! Ma è vero che sono addirittura vietati? Che in inverno le moto non li potrebbero raggiungere? Che servono per forza gomme “da neve”? In questo video cerco di fare un po’ di chiarezza.

Oggi parliamo di moto raduni invernali e di divieti di circolazione in inverno.

è vero che in moto non si potrebbe andare in pieno inverno? E che, quindi, raggiungere i motoraduni sarebbe addirittura proibito? E, ancora, è vero che sono indispensabili le gomme da neve?

Nel video rispondo a queste domande e cerco di fare chiarezza sulla questione motoraduni invernali e divieti, spesso argomento di discussione sul quale c’è ancora un po’ di confusione.

Come al solito, andiamo per ordine.

I motoraduni invernali

Qualche anno fa questi raduni al gelo erano visti come una stravaganza per motociclisti randagi e anche un po’ disagiati diciamo la verità. Oggi sono frequentati anche da insospettabili, desiderosi di vivere una piccola gelida avventura e di fare amicizia con altri motociclisti. Perché se c’è una cosa famosa dei raduni invernali oltre al freddo, è il senso di fratellanza, di appartenenza al gruppo, che qui non solo si respira ma si può vivere appieno tra una spalata di neve e un’inforcata di paglia, montando la tenda o scaldando dei fagioli sul fuoco.

Un messaggio che fa breccia nei ruvidi cuori dei moto viaggiatori.

All’aumento della popolarità dei raduni, però, sono aumentate anche le discussioni sui divieti. Come al solito le regole vengono mischiate con le interpretazioni personali. Vediamo di attenerci ai fatti!

La famosa direttiva ministeriale

Come riportato anche da alcune testate, la direttiva ministeriale del 16 gennaio 2013, in riferimento al periodo invernale ovvero 15 novembre – 15 aprile, sostiene in pratica che ciclomotori e motocicli possano circolare solo in assenza di neve o ghiaccio sulla strada e di fenomeni nevosi in atto. Pena, ovviamente, delle sanzioni.

Ciò che solitamente non viene detto, però, è che questo si riferisce a – leggo – “fuori dai centri abitati, lungo le strade frequentemente interessate da precipitazioni nevose e fenomeni di pioggia ghiacciata”.

Non solo.  Poi si specifica che: “i comuni possono adottare gli stessi provvedimenti (ovvero il divieto) all’interno dei centri abitati ai sensi dell’articolo 7, comma 1 del decreto legislativo 285/1992”.

Cosa significa questo divieto?

Significa due cose: La prima che se la strada viene mantenuta pulita, viene cosparso il sale in modo da scongiurare il ghiaccio e non si è chiaramente in presenza di fenomeni nevosi, non c’è divieto alla circolazione.

La seconda, che viene demandato al singolo comune la scelta se applicare o meno il divieto all’interno del centro abitato.

Naturale chiedersi quindi: ma se un comune ha già approvato lo svolgimento di un raduno quindi un assembramento di persone che richiede specifici permessi, quale interesse dovrebbe avere ad attivare il divieto anziché favorire il regolare svolgimento della manifestazion?

Gomme invernali: vale tutto?

Altro punto su cui fare chiarezza sono le gomme invernali. Non da molto a dire il vero, esistono anche per le moto. Bene. La buona notizia è che si possono montare anche con un codice di velocità inferiore a quanto riportato sul libretto ma solo nel periodo suddetto, ovvero 15 novembre 15 aprile come le auto. A differenza di queste non è un obbligo è una possibilità. 

Montarle, inoltre, non ci rende esenti dai divieti di cui sopra quando, come detto, ve ne siano le condizioni.

Perciò la gomma M+S rimane una scelta del centauro, aumenta la nostra sicurezza ma non è assolutamente uno ski-pass per andare sulla neve o durante una tormenta. E al 15 aprile va smontata.

E le catene?

Per quanto riguarda altri sistemi come le catene da neve o le gomme chiodate, è tutto molto semplice: non valgono.

Va infatti ricordato che al momento in Italia nulla di tutto ciò è omologato per la circolazione su strada.

Come andare ai raduni invernali in regola?

Ma torniamo ai nostri raduni: cosa fare per raggiungerli in regola?Bisogna informarsi.

Informarsi bene sul raduno che si desidera raggiungere, capire non solo dove si trova, ma come è organizzato, se si trova in un centro abitato o meno, in una zona in cui le strade vengono regolarmente pulite.

Quindi informarsi sulle strade che si intendono percorrere per raggiungerlo e infine informarsi – al meglio delle possibilità – sulle previsioni meteo.

Quindi andare ai motoraduni invernali non è vietato, basta farlo come sempre usando la testa.

Ti lascio con un calendario dei principali raduni invernali e se ti va fammi sapere a quale raduno hai intenzione di andare quest’anno.

3 comments
  1. In merito a M+S “e al 15 aprile va smontata” solo se il codice di velocità non è contemplato nel libretto di circolazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You May Also Like
triumph bonneville t120 black prova recensione test ride di 2000 km motoreetto
Leggi

Triumph Bonneville T120 Black

Triumph Bonneville T120 Black! Bella da guardare e da guidare, grazie al bicilindrico 1200 da 105 Nm a 3.100 giri e alla ciclistica sincera. Ma va bene anche per viaggiare? è una moto “troppo tranquilla”? è noiosa? è comoda? Per rispondere ho percorso con lei 2.000 km, compreso un viaggio in Provenza e Camargue con passeggero e borse.
Leggi