Il viaggiatore fantasma, la storia di Neil Peart

Neil Peart è famoso per le canzoni che ha firmato con i Rush e per il suo talento alla batteria, ma è stato anche un avido motociclista. Anzi, la moto lo ha salvato…

La decima storia in moto è quella di Neil Peart, celebre batterista dei Rush scomparso lo scorso 7 gennaio.

Tutti (o quasi) conosciamo il talento incredibile di Neil alla batteria, ma sono meno note le tragiche vicende della sua vita. Nel giro di un anno Neil Peart perde la figlia diciannovenne in un incidente d’auto e la moglie, che non supera mai il lutto, per un tumore.

Sull’orlo dell’abisso Neil fa l’unica cosa che in quegli anni lo ha fatto stare bene: prende la moto e scappa.

Fugge dalla sua vita, dai suoi fantasmi, dal suo dolore e lo fa per 14 mesi e 80.000 km prima di tornare a regalarci nuove incredibili canzoni. Quella di oggi è la storia del Viaggiatore Fantasma, The Ghost Ride, è la storia di Neil Peart.

Ti consiglio la lettura del suo libro, edito da Tsunami, lo trovi qui.

Non perderti le altre Storie In Moto. E se ti piace ciò che faccio, entra nel mio CLAN ed contribuisci a quest’avventura.

Sono convinto che un motociclista informato sia un motociclista più consapevole e nel suo piccolo agirà per un mondo migliore. Per questo gli articoli e i video che pubblico su Motoreetto.it sono accessibili a tutti e senza banner pubblicitari perché l’informazione dev’essere aperta e condivisa.
Lo sto facendo in maniera indipendente e a permetterlo sono le persone che hanno deciso di entrare nel mio CLAN.
Sarebbe fantastico se valutassi anche tu di farne parte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You May Also Like