NIU: arrivano gli scooter elettrici NQi GTS e UQi GT

Design riconoscibile, tecnologia e prezzi accessibili: la cinese NIU rinforza la gamma con NQi GTS e UQi GT e si prepara alla conquista del mercato scooter elettrici.

NIU, che in cinese significa “piccolo toro”, lo stesso rappresentato nel logo, si è data una missione da niente: “ridefinire la mobilità urbana e migliorare la qualità della vita dei propri utenti”. In termini di business, l’obiettivo è diventare il brand numero 1 per la mobilità urbana puntando su design e tecnologia. Si apre così, senza mezzi termini o falsa modestia la presentazione di un’azienda che in sei anni ha sfornato la bellezza di 1 milione di scooter elettrici.

la gamma niu e le novità maggio 2020

Design, tecnologia e negozi monomarca

Numeri che a noi italiani, abituati con un mercato interno di ben altre dimensioni, fanno venire un po’ le vertigini. Ma in Cina NIU ha già 1050 negozi monomarca distribuiti in 181 città. Ha scelto la via del flagship store per costruirsi un’identità più forte e distinguersi dagli altri prodotti che in un settore come lo scooter elettrico stanno puntando più sul prezzo.

Altro elemento fondamentale in questa strategia è il design, particolarmente curato, che ha portato gli scooter NIU a conquistare molti riconoscimenti internazionali. Il terzo elemento del cocktail, come vedremo più nello specifico, è la tecnologia ed è quello che appare fin più scontato, ma ovviamente non lo è.

La strategia del negozio monomarca è stata poi esportata anche sul mercato estero che, grazie a 29 distributori, coinvolge ora 38 Paesi. Tra questi c’è ovviamente anche l’Italia: attualmente ci sono due negozi ma presto diventeranno quattro. A Milano e Roma si stanno per aggiungere Bergamo e Genova, due piazze importanti. La prima perché coinvolge un dealer già molto attivo e conosciuto in una zona di lunga tradizione motociclistica, la seconda perché da sola rappresenta una buona quota di mercato nazionale. Ma gli scooter NIU si possono trovare già su una buona porzione del territorio nazionale grazie all’accordo con circa un centinaio di rivenditori direttamente collegati con il distributore, che è KSR Group già presente con molti altri marchi come Brixton e i redivivi Malaguti e Lambretta.

la tecnologia niu spiegata da motoreetto

Una fabbrica da 700.000 scooter l’anno

Per sostenere l’aumento produttivo necessario a investire tutto il mondo con i propri prodotti, Niu ha recentemente inaugurato una nuova fabbrica a un paio di ore da Shangai capace di produrre 700.000 scooter all’anno che possono esser consegnati al ritmo di 5000 al giorno. Numeri che hanno tutt’altra scala rispetto ai nostri standard e che impressionano. Ma qual è per il momento l’accoglienza italiana nei confronti degli scooter Niu?

Difficile fare considerazioni su questo inizio 2020, evidentemente compromesso dall’emergenza coronavirus, ma guardando allo scorso anno si può constatare che Niu ha già piazzato un migliaio di scooter nel nostro Paese e quasi totalmente si tratta di vendite a clienti finali e non business. Poca roba in confronto alla Cina, ma niente male per un marchio ancora semi-sconosciuto che propone una gamma di prodotti totalmente elettrici.

niu costruzione scooter elettrico

Una gamma 100% elettrica

NIU può anche vantarsi di poter realizzare quasi tutto “in casa”. Sembra scontato sia così, ma non lo è. Sta creando soluzioni hardware, software e cloud – sì, stiamo sempre parlando di mezzi a due ruote eh. Quindi dalla batteria al motore alla gestione del veicolo.

Tutti gli scooter NIU sono connessi a un sistema cloud e una app fornisce ai clienti i dati in tempo reale sullo stato della batteria, la geolocalizzazione GPS e il rilevamento antifurto. E non è tutto qui.

I dati forniti dagli scooter connessi convergono per poi ritornare in buona sostanza al dispositivo, ovvero il nostro motorino, e migliorare l’efficienza di utilizzo dell’energia. La Casa indica un’efficienza media di 50 km per kWh di energia che – impareremo a fare i conti con queste misure – non è affatto male.

Anche gli scooter NIU come altri concorrenti possono sfruttare i benefici della frenata rigenerativa e hanno 3 modalità di guida.

Per entrare nell’ottica NIU – e ricordarsi i nomi di non proprio immediata memorizzazione – bisogna capire che esistono tre famiglie: N, M e U. Alle quali si aggiunge sempre il Qi. Queste sono poi declinate in diversi allestimenti: standard, GT e GTS. A loro volta gli allestimenti, a seconda della batteria montata, sono acquistabili nel modello PRO (con batteria Panasonic di maggior capacità) o nel più economico SPORT (con batteria propria di Niu). E qui, al netto di gusti estetici ed esigenze personali, sta la vera differenza che consente o di risparmiare anche una bella cifretta a parità di scooter oppure di avere una maggiore autonomia, a seconda di qual è la nostra esigenza. Ma andiamo con ordine. 

Nello specifico i due modelli presentati da Niu per la Fase 2 e la ripartenza (si spera) del mercato sono NQi GTS e UQi GT. Vediamoli più nel dettaglio.

Niu NQi GTS

niu nqui gts laterale bianco

La serie NQi è quella pensata per chi necessita più autonomia e abitabilità pur rimanendo uno scooter prettamente urbano. Il nuovo NQi GTS amplia questa famiglia. Ha ruote da 14″ e una nuova taratura delle sospensioni, motore NIU energy da 3100W (quindi paragonabile a un 100-125 cc con 70 km/h di velocità) ma come detto il punto forte sta nella percorrenza in particolare nell’allestimento PRO.

Questo è infatti equipaggiato con batteria estraibile Panasonic da 60V e 35Ah del peso di circa 13 kg per la quale sono stimati 125-135 km in città. La versione SPORT monta invece una batteria sempre estraibile ma prodotta dalla stessa NIU da 60V e 26Ah, 11 kg per un’autonomia stimata tra 90 e 105 km.

I prezzi sono rispettivamente di 4.699 euro e 3.599 euro ma fino al 15 maggio versando online un acconto di 100 euro si blocca il prezzo dello Sport a 3.099 euro. Basta andare qui: https://niu-presale.com/it

Niu UQi GT

niu uqi gt rosso

NIU UQi è invece un anello di congiunzione tra scooter e ciclomotore: più compatto, minimalista, leggero, ideale quindi per chi fa brevi distanze e vuole un mezzo agile. Il motore in questo caso è da 1500W e l’omologazione è perciò quella del cinquantino con velocità codice a 45 km/h. Anche il nuovo UQi GT è proposto nelle versioni Pro e Sport. La prima ha batteria estraibile Panasonic da 48V e 42Ah, 8 kg per un range di 95 km e costa 2.599 euro, la seconda batteria NIU energy sempre da 48V ma 31Ah, 5 kg, 70 km di autonomia. Il prezzo, sicuramente inferiore allo Sport, non è ancora stato confermato.

E nei prossimi mesi…

A fine estate sono attesi una ebike e un nuovo scooter, ma in pentola ci sono anche un quad e una moto che probabilmente vedremo già prima del 2021. Ovviamente saranno 100% elettrici.

Per informazioni: https://www.niu.com/it/

Sono convinto che un motociclista informato sia un motociclista più consapevole e nel suo piccolo agirà per un mondo migliore. Per questo gli articoli e i video che pubblico su Motoreetto.it sono accessibili a tutti e senza banner pubblicitari perché l’informazione dev’essere aperta e condivisa.
Lo sto facendo in maniera indipendente e a permetterlo sono le persone che hanno deciso di entrare nel mio CLAN.
Sarebbe fantastico se valutassi anche tu di farne parte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You May Also Like
triumph bonneville t120 black prova recensione test ride di 2000 km motoreetto
Leggi

Triumph Bonneville T120 Black

Triumph Bonneville T120 Black! Bella da guardare e da guidare, grazie al bicilindrico 1200 da 105 Nm a 3.100 giri e alla ciclistica sincera. Ma va bene anche per viaggiare? è una moto “troppo tranquilla”? è noiosa? è comoda? Per rispondere ho percorso con lei 2.000 km, compreso un viaggio in Provenza e Camargue con passeggero e borse.
Leggi