Perché il Dunlop Mutant piacerà (quasi) a tutti?

Dopo il Meridian, Dunlop ha presentato un nuovo pneumatico che trovo interessante e innovativo: si chiama Mutant e mette d’accordo le scrambler, le adventure e le crossover. Vediamo com’è fatto.

Come promesso nel precedente video dedicato al Dunlop Trailmax Meridian ri-eccomi qui per parlare di un’altra novità Dunlop: il Mutant.

Premetto che mi è sembrato da subito molto interessante e andrò a spiegarti perché potrebbe piacere anche a te a prescindere dalla moto che stai guidando.

Dunque, in Dunlop sostengono sia uno pneumatico crossover, termine che ultimamente va parecchio di moda sia tra le auto sia tra le moto. E infatti le crossover sono, assieme alle adventure, tra le più apprezzate dal mercato.

Hanno sostituito in qualche modo le sport tourer che infatti sono quasi scomparse dai radar.

Ma questo Mutant non si rivolge solo a loro e in onore alla definizione stessa di crossover è un prodotto trasversale che può piacere tanto a chi guida una scrambler quanto una grossa motard, da chi ha una roadster fino a chi invece ha una maxi adventure. 

Stiamo parlando dunque del pneumatico totale?

Non esageriamo. Lo è quanto una crossover può essere considerata una moto totale. Diciamo che ci va vicino.

Stiamo parlando di una versatilità d’uso davvero notevole (almeno sulla carta perché purtroppo come è chiaro non ho ancora avuto modo di provarlo).

L’intuizione degli uomini Dunlop non è nuova: nel 2006 introdussero lo Sportmax Mutant pensato per le monocilindriche supermotard. Nel frattempo, come detto, il mercato si è evoluto e le crossover di oggi come le Yamaha Tracer, la Ducati Multistrada, le BMW XR hanno ereditato dei geni dal mondo delle motard. Ma sono anche più grosse, pesanti, con motori più ricchi di coppia, devono fare chilometraggi importanti… Ecco che dopo tre anni e mezzo di sviluppo, arriva il nuovo Mutant a colmare queste richieste.

Quindi è uno pneumatico che vuole combinare esigenze di sportività alla supermotard con quelle di un viaggio adventure. Quali sono?

Stabilità: per i viaggi con moto pesante.

Aderenza sul bagnato per essere un all season quindi adatto anche al commuting.

Divertimento su asfalto e buon comportamento su sterrato.

E una buona durata sempre in ottica turistica.

Il risultato è un battistrada molto scolpito, con un disegno ben riconoscibile e che ha anche un’estetica a mio avviso piacevole.

Sotto alla pelle troviamo una struttura simile a quella vista per il Meridian nel precedente video. Quindi doppia tela in Rayon, strato isolante e rivestimento in corda d’acciaio. La carcassa ha zone di tensione differenti per migliorare l’impronta a terra e la mescola è ad alto contenuto di silice per miglior grip alle basse temperature.

E sempre come il Meridian la gomma anteriore è monomescola mentre il posteriore è più soft sulle spalle e più rigido al centro, con la mescola centrale che scorre sotto fino al tallone per maggiore rigidità e un consumo più omogeneo.

Viene perciò naturale pensare che tra Meridian e Mutant ci sia una differenza soltanto superficiale, ma Dunlop risponde che non è così e ci mostra come anche i profili siano diversi.

Si nota come quello del Mutant sia più sportivo. Di conseguenza a parità di moto, a detta del costruttore, il Mutant offre un comportamento più performante specie se mettiamo le ruote sullo sporco: maggiore aderenza, progressività e maneggevolezza. 

Ma non ho detto ancora un paio di cose su questo Mutant. 

La prima è la marchiatura M+S. Questo non significa che sia uno pneumatico invernale come intendiamo quelli delle auto, ma indica innanzitutto che è molto scolpito e che possiamo aspettarci un buon comportamento su fondi freddi, sporchi e scivolosi.

La seconda è che grazie alle misure può andar bene per circa 300 modelli di moto, anche piuttosto diverse tra loro. Guardando la classifica di vendita, può essere calzato da 12 delle prime 20 moto.

Dov’è che il Mutant perde dunque il confronto in casa con il Meridian? 

Sul prezzo, ponendosi un gradino più in sù – al netto di eventuali offerte è chiaro – e sulla percorrenza proprio perché è più morbido. Vince però sulla versatilità che è il suo vero punto di forza. 

Queste le misure disponibili:

Ulteriori informazioni e scheda prodotto su www.dunlop.eu.

Sono convinto che un motociclista informato sia un motociclista più consapevole e nel suo piccolo agirà per un mondo migliore. Per questo gli articoli e i video che pubblico su Motoreetto.it sono accessibili a tutti e senza banner pubblicitari perché l’informazione dev’essere aperta e condivisa.
Lo sto facendo in maniera indipendente e a permetterlo sono le persone che hanno deciso di entrare nel mio CLAN.
Sarebbe fantastico se valutassi anche tu di farne parte.

1 comment
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You May Also Like