Come smaltiremo le batterie della nostra moto elettrica?

Opinione diffusa è che le batterie della moto elettrica debbano necessariamente essere smaltite, siano un pericoloso inquinante che dovremo sotterrare da qualche parte. Anche in questo caso, la realtà per fortuna è diversa.

Cercherò di spiegarlo in modo semplice: le batterie della moto elettrica non si smaltiscono. Infatti si riutilizzano e si reciclano! Ti spiego.

Scottati dalle esperienze con pile alcaline e con i (primi) telefonini, comprensibilmente temiamo il precoce deterioramente delle caratteristiche delle batterie. Ormai sappiamo per esperienza diretta appunto che le dopo determinati cicli di ricarica le batterie dei nostri device iniziano a dare segni di inefficienza. Ci sono però batterie di qualità e batterie di scarsa qualità e questo ovviamente incide sul prezzo (vedi il mito “la moto elettrica è cara”) come avviene per qualsiasi altro oggetto a batteria. Ovvio che bisognerebbe scegliere sempre quelle di qualità non solo per il tornaconto personale di una maggiore durata e miglior funzionamento, ma perché le batterie di qualità hanno anche una “chimica nota”, ovvero si conoscono i loro ingredienti e sarà perciò più facile gestirle una volta dismesse dalla nostra moto.

Una moto elettrica di alto livello come quelle di Zero Motorcycles, ha già batterie garantite 5 anni a chilometraggio illimitato. Sempre i californiani mi riferiscono che finora hanno registrato cali di prestazione al massimo del 20% dopo tantissimi cicli e all’incirca 300.000 km.

E per cali di prestazione si intende che la batteria diventa più lenta a caricarsi e più veloce a scaricarsi, non che la moto elettrica non funzioni o vada più piano.

Quando la batteria è da cambiare

Quando una batteria non è più adatta alla trazione ha ancora in genere l’80% della sua capacità. Come detto diventa solo lenta nel ricaricare e rilasciare l’energia; è ora di smaltirla? Niente affatto: per lei si apre un nuovo futuro di riutilizzo, una seconda vita ad esempio come accumulatore domestico.

In Giappone, ad esempio, vengono già riutilizzate per alimentare i lampioni. A Goteborg e a Londra, invece, servono ad accumulare energia dal fotovoltaico. Ne avremo sempre più bisogno quindi… serviranno!

Bisogna innescare un circolo virtuoso nel quale un veicolo non viene abbandonato a se stesso, ma viene smontato in ogni sua parte e “differenziato”. C’è molto da riutilizzare e riciclare.

E finita la seconda vita?

Anche dopo la sua seconda vita, una batteria è ampiamente riciclabile. Molti materie prime vengono recuperate e rimesse in ciclo. Quindi, ancora una volta, il problema dello smaltimento della batteria è un falso mito e ancora una volta basta fare qualche banale ricerca per smentirlo.

#RIDEMORE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You May Also Like
triumph bonneville t120 black prova recensione test ride di 2000 km motoreetto
Leggi

Triumph Bonneville T120 Black

Triumph Bonneville T120 Black! Bella da guardare e da guidare, grazie al bicilindrico 1200 da 105 Nm a 3.100 giri e alla ciclistica sincera. Ma va bene anche per viaggiare? è una moto “troppo tranquilla”? è noiosa? è comoda? Per rispondere ho percorso con lei 2.000 km, compreso un viaggio in Provenza e Camargue con passeggero e borse.
Leggi